Grande preoccupazione per il futuro degli oltre cinquanta lavoratori impiegati in appalto nel magazzino Nexive di Calderara di Reno (Bo) che movimentano e spediscono la merce per conto della società, che si occupa di prodotti postali e commercio elettronico.
Nexive è stata infatti recentemente acquisita da Poste Italiane Spa e sta riorganizzando le attività. In questo quadro abbiamo appreso che il magazzino di Calderara sta ridimensionando i volumi produttivi. Alle svariate richieste di incontro che le Organizzazioni Sindacali hanno rivolto a Nexive, la Società ha irresponsabilmente deciso di non dare riscontro e di non presentarsi, non fornendo, in questo modo, alcuna spiegazione sul futuro del magazzino e lasciando i lavoratori e le lavoratrici in un assoluto stato di incertezza.
La situazione si è resa paradossale quando su siti internet specializzati è comparso l’annuncio della messa in affitto del magazzino a partire dal prossimo mese di ottobre.
I lavoratori hanno diritto a ricevere risposte sul loro futuro e la SLC CGIL e la FILT CGIL chiedono a Nexive di assumersi la responsabilità per i lavoratori impiegati nei loro appalti e metteranno in atto tutti gli strumenti che si renderanno necessari a tutela dell’occupazione.


Bologna, 13 settembre 2021
Slc e Filt CGIL di Bologna