Il giorno 19 gennaio 2021 si è svolto in via telematica una riunione tra le
Organizzazioni Sindacali e la Direzione aziendale di Kemet Italia.
Gli argomenti sul tavolo sindacale di confronto sono stati:

  • Un aggiornamento rispetto alla possibilità di usufruire ancora di cassa covid;
  • Rendere nota da parte del Ministero del Lavoro la proroga del contratto di
    solidarietà fino ad agosto 2021 (anziché marzo 2021);
  • Budget 2021.
    In occasione dell’incontro l’Azienda ha comunicato alla Rsu e alle Organizzazioni
    Sindacali il calo di ordini e fatturato: 2 milioni di dollari in chiusura anno 2019 e 3
    milioni e 200.000 dollari per l’anno 2020, con la preoccupante conseguenza che il
    conto economico sullo stabilimento di Pontecchio non si sostiene.
    L’Azienda ha dichiarato inoltre che oggi la situazione del mercato vede una
    concorrenza spietata di competitor asiatici.
    Sugli investimenti sono confermati 1.000.000 di euro circa sul nuovo prodotto
    Novasentis e rimane confermata la missione industriale dello stabilimento di
    Pontecchio come polo di Innovazione e Produzione Tecnologica della Business Unit
    Film di Kemet.
    Nel contempo l’Azienda ha comunicato la volontà di attuare un piano di
    ridimensionamento occupazionale importante (su 319 coinvolti nel Contratto di
    Solidarietà, il 30% in eccedenza) da condividere e agendo sul criterio della
    volontarietà. L’azienda oggi occupa circa 376 dipendenti esclusi i dirigenti.
    La RSU e la Fiom di Bologna esprimono la loro forte preoccupazione in termini di
    sostenibilità e prospettive future occupazionali dello stabilimento di Pontecchio; per
    questo sarà difficile trovare un punto di incontro.

Quest’ultimo atto non deve essere l’ennesima riduzione occupazionale dello
stabilimento di Pontecchio Marconi. In questi anni le Organizzazioni Sindacali hanno
condiviso gli strumenti per sostenere la crisi, ma sempre in un’ottica di prospettiva e
garanzia produttiva e occupazionale.
Oggi riteniamo che il quadro rappresentato degli investimenti in termini di prodotto
e industrializzazione non sia sufficiente per garantire la tenuta occupazionale a
lungo termine dello stabilimento storico di Pontecchio Marconi.
Per questo chiediamo alle Istituzioni locali e alla Regione Emilia Romagna un
approfondimento affinché la Kemet arrivi a proporre ai lavoratori dello storico
impianto una nuova prospettiva produttiva e occupazionale, garantita e integrata
con investimenti appropriati.
Riteniamo infine che l’ulteriore ridimensionamento occupazionale di Kemet Italia a
Pontecchio Marconi recherebbe un danno e conseguenze devastanti per la
prosperità della comunità locale.

Bologna, 27/01/2021
Fiom Bologna