, , ,

Sottoscritto l’accordo con il Comune di Bologna sul Bilancio di previsione 2021/2023

Ieri, 17 dicembre 2020, CGIL CISL UIL di Bologna, unitamente alle categorie dei pensionati e della categoria dei lavoratori pubblici, hanno sottoscritto l’accordo con il Comune di Bologna sul Bilancio di previsione 2021/2023. Un primo importante passo verso la contrattazione sociale e territoriale in un contesto del tutto inedito ed incerto.
Sarà un anno di transizione tra il mondo pre COVID e il mondo COVID senza avere ancora oggi l’evidenza completa di tutte le conseguenze sociali, economiche, sanitarie, ambientali e politiche. Purtroppo siamo ancora in una fase di completa gestione della pandemia.

Come da tradizione, a maggior ragione in un contesto come questo, viene confermata una contrattazione dinamica ovvero concordata sulla base di un confronto continuo con le OOSS: un bilancio da 3 miliardi di euro predisposto a legislazione vigente, con 5 milioni di euro destinata all’aumento di spese dovute all’emergenza sanitaria, che continua a puntare sulle nuove generazioni confermando l’importante scelta di riduzione del debito (a inizio mandato era di circa 145 milioni, si prevede di arrivare a 77,2 nel 2023), con una spesa corrente per welfare che si conferma elevata (il 40%) con l’obiettivo di essere sempre più vicini ai bisogni dei cittadini in una logica di riduzione delle tante disuguaglianze.Gli investimenti per il 2021 saranno di 208 milioni di euro, nel triennio 741, tutti già finanziati.Si conferma il non aumento della tassazione.
La partita in campo è di estremo rilievo, ci stiamo giocando il futuro di una città che, anche questa volta, dimostrerà sicuramente di essere all’altezza della sua storia.Come sempre la CGIL tutta darà il proprio contributo, con  le proprie proposte autonome, esercitando su tutti i tavoli il ruolo di sindacato generale e confederale, dandosi le opportune priorità ma senza creare scontri generazionali.

p. segreteria CGIL BO
Sonia Sovilla