La clinica, del Gruppo Villa Maria, è l’unica in Emilia-Romagna a non garantire i contenuti del CCNL. Fp-Cgil: “Atteggiamento incomprensibile, grande mancanza di rispetto nei confronti dei  dipendenti”

Che non sarebbe stato semplice garantire in maniera omogenea l’applicazione del nuovo (ma già scaduto) contratto nazionale di lavoro della sanità privata, che ha di molto migliorato le condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori, lo sapevamo. Non ci aspettavamo però la mancanza di rispetto dei vertici del gruppo Villa Maria nei confronti dei propri dipendenti. 

Si tratta infatti dell’unico gruppo che non ha ancora garantito tutti i contenuti economici del CCNL per ragioni incomprensibili tese a negare quanto convenuto. Non va tra l’altro dimenticato che la vice presidenza del gruppo corrisponde alla presenza di Aiop regionale, cioè la stessa associazione he ha sottoscritto l’accordo quadro regionale che ha garantito le risorse aggiuntive rispetto a quanto previsto dal tavolo tra Ministero della Salute e Conferenza delle Regioni. 

Da Aiop ci aspettiamo altro, un comportamento corretto e rispettoso di chi garantisce il Diritto alla Salute e degli impegni assunti con la sottoscrizione del Contratto Nazionale di Lavoro, e non che diventi l’ultima ruota del carro nel campo del rispetto dei diritti. Per questo motivo è convocato un presidio, l’ennesimo, davanti a Villalba Hospital, una delle strutture del gruppo con sede a Bologna, il 14 Dicembre dalle ore 10,30 alle ore 12,30 nel tentativo di riportare i comportamenti di questi datori di lavoro nella giusta direzione.

Mario Iavazzi

FP CGIL BOLOGNA