Sono mesi difficili per molti nuclei familiari che hanno avuto il calo o addirittura la perdita direddito a causa del Covid. A distanza di qualche mese dall’uscita dei bandi per risarcire iproprietari che hanno concordato la riduzione dei canoni e per destinare contributi direttiagli inquilini che hanno avuto una riduzione di reddito a causa della pandemia,consentendo loro di essere regolari nel pagamento del canone, sono circa mille nucleifamiliari bolognesi che hanno già avuto questo contributo a disposizione sul contocorrente; questo grazie alla contrattazione svolta nel corso del 2020 che ha messo adisposizione nuove risorse regionali e del Comune di Bologna. Il Sunia e la Cgil esprimono soddisfazione per il bando sulle rinegoziazioni dei canoni cheha abbassato il canone del 10% o 20% in un anno a circa 400 nuclei familiari bolognesi edha consentito a 70 nuclei famigliari di avere un alloggio in affitto a canone concordatoprecedentemente utilizzato per la locazione breve o alla vendita. Come da sempresosteniamo, solo un preciso intervento pubblico, può evitare che il mercato sia il solo adeterminare l’esigibilità di diritti fondamentali per le persone. Siamo ovviamentepreoccupati per le 4000 domande presentate per il bando sui contributi diretti, chetestimoniano una situazione di difficoltà a pagare l’affitto per un numero crescente difamiglie: sono circa il doppio rispetto a quelle presentate lo scorso anno prima del Covid. Ifondi a disposizione non basteranno sicuramente a soddisfare tutte queste domande; perquesto motivo Sunia e Cgil chiedono che vengano fatti tutti gli sforzi possibili per reperirele risorse nazionali, regionali e locali necessarie a soddisfare tutte le richieste cherispettano i requisiti previsti dal bando per evitare che il 2021 sia l’anno della crescitaesponenziale degli sfratti per morosità. Per la CGIL tutta il tema delle politiche abitative va affrontato, al pari del tema del lavoro,come una assoluta priorità anche sul nostro territorio.
Bologna, 3 dicembre 2020

Segreteria CGIL Bologna

Sonia Sovilla
Sunia
Francesco Rienzi