Una scelta scellerata. Approfittando dell’emergenza pandemica in corso, lo scorso mese di giugno l’azienda Dussmann Service srl ha pesantemente decurtato, in sede di cambio appalto, il monte ore contrattuale delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati nei servizi di ristorazione della Polizia di Stato.

Cuochi, aiuto cuochi e addette/i mensa che oggi prestano la propria attività presso la sede della caserma settimo reparto mobile di Bologna hanno visto ridursi fino al 50% la propria capacità di reddito, con conseguenti ripercussioni sull’autonomia economica e sociale.

Le lavoratrici e i lavoratori sono quindi costretti a incrociare le braccia oggi dalle ore 18:00 alle ore 21:30, a fronte dell’indisponibilità dell’azienda a rilevare il personale presente nell’appalto alle stesse condizioni economiche e normative in essere – come previsto dal CCNL di settore – e dell’assordante silenzio da parte delle Istituzioni pubbliche coinvolte. Lo sciopero odierno segue lo stato di agitazione nazionale già proclamato in data 16 giugno 2020.

Il rispetto dei diritti conferisce qualità al lavoro ed è garanzia di qualità dei servizi.

Bologna 19/11/2020

Filcams Cgil Fisascat Cisl Uiltucs

Francesco Devicienti Antonello Giuliana Federica Maccono