,

DELIBERA SU BUONI SPESA, la nota Cgil e Cisl Bologna

Molto probabilmente con la delibera di oggi che prevede l’utilizzo di oltre 2 milioni di euro per “buoni spesa” a chi ha i requisiti e ne fa domanda si apre anche una stagione nuova per la contrattazione sociale e territoriale. La drammaticità della situazione sociale che si sta venendo a delineare anche sul nostro territorio richiederà, molto probabilmente, anche una rivisitazione di tutto il nostro welfare. Ma per ora bisogna intervenire con misure straordinarie utilizzando tutte le risorse statali. CGIL e CISL confederali di Bologna valutano molto positivamente la delibera di oggi che ha colto tutte le osservazioni e che in tempi rapidissimi consentirà alla fascia più fragile della popolazione di disporre una cifra per l’acquisto di beni di prima necessità ( cifra variabile a seconda dei componenti del nucleo familiare da 150 euro a 600) attraverso una domanda da inoltrare via mail agli sportelli sociali del comune (tutta la procedura verrà informatizzata) . L’ISEE è  stato sostituito da una autodichiarazione per accelerare i tempi e sburocratizzare al massimo l’erogazione dei buoni spesa. Domande possibili per i residenti ma anche per i domiciliati visto che le norme in vigore costringono molta gente a non spostarsi.

Anche in tempi complicati a Bologna si consolida la tradizione delle buone relazioni sindacali per tutelare al meglio chi sta peggio.

CGIL BO CISL area metropolitana

Sovilla Schincaglia