La Funzione Pubblica CGIL di Bologna esprime soddisfazione per la sigla apposta al contratto integrativo aziendale di ASP Città di Bologna, accordo il cui valore normativo sarà esteso fino al 2021.

Per Simone Raffaelli, della segreteria della FP CGIL di Bologna, si tratta di un accordo importante le cui basi erano già state poste con la presentazione della piattaforma sindacale lo scorso anno.
I tempi si sono allungati anche per effetto del profondo cambiamento avvenuto ai vertici dell’azienda, novità che però non ha influenzato negativamente la chiusura dell’accordo.

Tra gli aspetti più importanti vanno segnalati gli oltre €80000 dedicati alle progressioni di carriera del personale dipendente ( già previsti in un verbale di incontro siglato nelle scorse settimane), dato che permetterà  un aumento strutturale della retribuzione per almeno 120 lavoratori  e l’aumento dell’indennità collegata al rischio.

L’accordo ha raccolto anche una reciproca disponibilità ad aprire dal prossimo anno la discussione sull’eventuale riconoscimento dei tempi di vestizione per il personale dei servizi assistenziali e, da gennaio, si prevede l’apertura del confronto anche sull’orario di lavoro del personale dipendente per raccogliere le indicazioni del recente contratto nazionale delle Funzioni Locali.