ORDINE DEL GIORNO
3° Sciopero Globale per il Clima
Si terrà il prossimo venerdì 27 settembre, il 3° Sciopero Globale per il Clima, organizzato dal
movimento Fridays for Future. Come nei mesi scorsi, il movimento torna a chiedere misure
urgenti per dimezzare le emissioni di CO2 ed evitare così un aumento di 1,5°C della temperatura
media globale.
E’ sotto gli occhi di tutti che le conseguenze del cambiamento climatico in atto e il consumo
irresponsabile delle risorse del pianeta sta causando danni che ricadono su tutti i suoi abitanti che
hanno già oggi prodotto effetti devastanti su milioni di persone del mondo.
Il Comitato Direttivo della CdLM di Bologna riunitosi in data 24 Settembre 2019 aderisce,
promuove e sostiene le iniziative previste nell’ambito della “Settimana per il Futuro”. Una settimana
di mobilitazione per fare pressioni sul vertice delle Nazioni Unite del 23 settembre a New York,
convocato per fare il punto sulla situazione climatica e dell’attuazione dell’Accordo di Parigi.
La necessità di una transizione ecologica verso un modello più sostenibile deve essere fondato su
criteri di sostenibilità ambientale e sociale, a partire da una attenta riconversione dei processi
produttivi, a cominciare dai settori a maggior impatto ambientale e in termini di emissioni,
passando dalla riduzione dei consumi energetici ad un sistema di mobilità sostenibile,
all’attenzione alle filiere produttive alimentari, alla riduzione dei consumi di plastica.
Gli investimenti in educazione, istruzione e formazione permanente ed il rifinanziamento di
università ed enti di ricerca pubblici devono rafforzare le direttrici strategiche da perseguire per
rendere possibili questi processi di transizione.
L’impegno sui temi ambientali, l’occupazione, lo sviluppo sostenibile attraverso la contrattazione ci
deve vedere sempre più impegnati nella loro difesa.
Per questo è necessario che attraverso la contrattazione compresa quella sociale e territoriale,
vengano implementate e promosse tutte quelle buone pratiche di attenzione all’ambiente e alle
innovazioni sostenibili che, dove fatte, hanno portato ad un aumento dell’occupazione e della
salvaguardia dell’ambiente, garantendo forme di giustizia che spesso non riescono ad emergere,
proprio a causa degli interessi legati allo sfruttamento delle fonti fossili e delle risorse naturali.
La CGIL di Bologna si impegna, assieme alle Categorie, a promuovere assemblee nei luoghi di
lavoro, e a realizzare corsi di formazione mirati alla sensibilizzazione dei temi ambientali per le
strutture e per i delegati/te.
Salvare il pianeta può e deve essere occasione di innovazione, sviluppo, lavoro e opportunità.
Per queste ragioni, la CGIL di Bologna sarà’ a fianco degli studenti per rivendicare un nuovo
modello di sviluppo di produzione e di consumo per rendere sostenibile il pianeta dal punto di vista climatico e sociale.