In “Terra Santa” sono iniziati nuovi scontri tra palestinesi e Israele. In poche ore, decine di morti. Non avevamo dubbi che la rielezione di Netanyahu potesse avere  come immediata conseguenza un’escalation di violenza.  Noi continuiamo invece a pensare che la soluzione dei due Stati per i due popoli sia l’unica che possa stabilire pace e sicurezza nella martoriata terra.
L’auspicio è che riprenda immediatamente il negoziato  e la via del dialogo sia praticata,  a maggior ragione  in questi giorni in cui inizia il mese di Ramadan per i musulmani.

CGIL BOLOGNA