LA FIOM CGIL di Bologna aderisce al ‘Friday For Future’ per garantire un futuro ai giovani e affrontare una gravissima crisi ambientale.
I metalmeccanici sono parte della coalizione per la la giustizia climatica e per un “green new deal”.
L’Assemblea Generale della Fiom Bologna, insieme al movimento sindacale globale ed europeo, aderisce alla battaglia per la giustizia climatica, sostenendo in particolare tutti i giovani che chiedono di avere un domani, a partire dal movimento ‘Friday For Future’ e dallo sciopero globale ‘School Strike 4 Climate’ di oggi, venerdì 15 marzo, promosso dagli studenti di tutto il mondo proprio per rivendicare il diritto ad un futuro su questo pianeta e per chiedere ai Governi di agire per fermare i cambiamenti climatici.
La FIOM CGIL da sempre sostiene queste iniziative portando avanti l’impegno del sindacato dei metalmeccanici per l’ambiente, in particolare attraverso la nostra attività di contrattazione nelle aziende, e sostenendo tutte le pratiche e innovazioni sostenibili che, come tanti indicatori da anni ci dicono, portano sempre ad un aumento dell’occupazione e della giustizia globale, giustizia che spesso non riesce ad emergere proprio a causa degli interessi legati alle fonti fossili e allo sfruttamento di tutte le risorse naturali.
Continueremo a rivendicare un “green new deal” e una giusta transizione a un modello sostenibile di società non più dipendente dal petrolio e dagli altri combustibili fossili, cercando di ridurre le emissioni di tutti i processi industriali e chiedendo la revisione degli impegni locali e nazionali di riduzione delle emissioni.
Dopo tanti errori di più generazioni, siamo convinti che, anche nella lotta per la giustizia climatica, dobbiamo accettare il cambiamento, partendo dall’ascoltare e dall’accompagnare i giovani, costruendo alleanze e coalizioni, necessarie per sconfiggere l’inerzia di tutti quei governi che proteggono gli interessi privati di pochi a scapito della giustizia sociale, dell’equità intergenerazionale e del rapporto con l’Ambiente. Un ambiente sostenibile è un diritto universale.
Per questo ragioni, l’Assemblea Generale della Fiom di Bologna, sostenendo la Manifestazione di oggi, invita delegati, studenti, lavoratori e tutti i cittadini a partecipare anche alle prossime iniziative, che ogni venerdì, seguendo l’esempio di Greta Thunberg la giovane attivista svedese, si stanno diffondendo anche a Bologna e provincia.
Sasso Marconi, 15 marzo 2019