Nella giornata di oggi, 13 marzo 2019, la Filcams-Cgil e la Filt-Cgil Bologna ha proceduto all’invio di una lettera di diffida a Zara Italia Srl, dopo aver ricevuto comunicazione dalla stessa dell’intenzione di sostituire i lavoratori in appalto nel magazzino del punto vendita di via Indipendenza 38 con i propri dipendenti, al fine di procedere alla sistemazione della merce e del riassortimento del negozio.

A Bologna da sabato 2 marzo 2019, i lavoratori in appalto che si occupano del magazzino, e del carico e scarico merci per Zara, sono in sciopero ad oltranza. Si parla di una ventina di persone, principalmente di origine straniera, e dipendenti di cinque diverse cooperative che le ha inquadrate con un contratto multiservizi. E’ evidente, dunque, la volontà dell’azienda appaltante di scavalcare il problema dei diritti di questi lavoratori in appalto sostituendoli semplicemente con propri addetti, e mettendo quindi in campo un’azione che si configura come interposizione di manodopera e sostituzione di lavoratori in sciopero.

Impiegati in entrambi i punti vendita di via Indipendenza, nel cuore di Bologna, gli addetti svolgono ben più ore di quante dovrebbero, senza maturare ferie né vedersi riconosciuti gli straordinari e le maggiorazioni previste per il lavoro notturno e festivo, e lavorando per lungo tempo in luoghi privi di ogni rispetto delle più ovvie norme relative alla salute e sicurezza. Inoltre, le aziende hanno fatto comparire i ratei di tredicesima e quattordicesima in busta paga, senza in realtà erogare il denaro.

A Bologna come in altre città d’Italia dove gli addetti sono in sciopero, le cooperative di cui i magazzinieri sono dipendenti hanno risposto alle proteste comunicando il passaggio dei lavoratori al contratto nazionale della logistica e proponendo una soluzione economica per saldare il pregresso. Ma il timore dei sindacati, sottolinea Anna Maria Russo (Filcams-Cgil Bologna) e Raniero Contessa (Filt-Cgil Bologna), è che i soggetti in questione “non siano per nulla affidabili, dati gli atteggiamenti degli ultimi anni. Pertanto, i lavoratori continueranno a scioperare fino a che il committente non assuma un comportamento responsabile facendo da garante per le sorti dei magazzinieri”.

Bologna, 13 marzo 2019

Filcams-Cgil Bologna Anna Maria Russo

Filt-Cgil Bologna Raniero Contessa

Su Rassegna.it