Bologna, 25 gennaio 2019


La Cgil Camera del Lavoro metropolitana di Bologna, in merito alle minacce ricevute dal tassista Roberto Mantovani, esprime la piena e massima solidarietà a lui e alla sua famiglia.
Il razzismo e l’omofobia non devono avere cittadinanza a Bologna, questo è solo l’ultimo di tanti intollerabili episodi figlia di un clima di odio alimentato purtoppo anche da autorevoli esponenti del Governo contro il quale la CGIL si è battuta e continuerà a stare in campo,
Come ha ricordato ieri il neo eletto segretario nazionale Maurizio Landini, questo è il tempo della militanza attiva e della lotta a tutti i fascismi.


Augurandoci di riascoltarti presto in radio, ti esprimiamo la nostra vicinanza.


Cgil Camera del Lavoro Metropolitana di Bologna