Nella mattinata di oggi, 26 novembre, si è svolta un’assemblea partecipatissima in viale Roma, nella sede di Asp: i lavoratori, convocati dalla RSU, si sono confrontati sulla nuova proposta di turno che coinvolgerà le strutture per anziani.
La proposta, presentata ai sindacati 2 settimane fa, è stata respinta dai lavoratori. Fp Cgil e Cisl Fp ne evidenziano gli aspetti più inaccettabili, ovvero la diminuzione dei riposi settimanali e l’aumento dei carichi di lavoro per gli OSS, una categoria di dipendenti fortemente esposti nella movimentazione dei carichi. Secondo la RSU è una proposta assolutamente da respingere quella che prevede il riposo in sesta giornata (dopo 5 giorni di lavoro comprese le notti), e’ invece necessario mantenere lo stesso numero di riposi attuali. I lavoratori sono stati molto polemici anche rispetto alla proposta di concludere il turno pomeridiano alle 20:30 invece che alle 20: c’è un problema di assenza di trasporto pubblico soprattutto nelle strutture più periferiche.
Diversi interventi hanno rilevato la necessità di mantenere le particolarità del turno e dell’organizzazione del lavoro dei vari servizi.
Secondo le sigle sindacali il mandato dei lavoratori è chiaro: o  l’azienda accetta di ritirare questa proposta o è inevitabile la proclamazione dello stato d’agitazione.
Fp Cgil Simone Raffaelli
Cisl Fp Licia Dimase
Rsu Asp Città di Bologna