Siamo a fianco di Gaetano Alessi e vogliamo con tutta la forza respingere le ignobili minacce che ha ricevuto nei giorni scorsi.

Gaetano è un compagno della Cgil, impegnato da tempo nell’attività sindacale. Gaetano è tra i fondatori di “Mafie sotto casa”, un’associazione di giovani che da tempo svolge una importante attività di informazione, ricerca e contrasto alla penetrazione della criminalità organizzata nel tessuto sociale ed economico dell’Emilia Romagna.

Auspichiamo che rapidamente gli inquirenti facciano luce su questi preoccupanti ed inquietanti fatti. Tuttavia è spontaneo porre in relazione quanto accaduto – e non sarebbe la prima volta – con l’attività svolta da Gaetano nell’ambito dell’associazionismo antimafia.

La criminalità organizzata alza costantemente il tiro e si rivolge contro tutti coloro, che in diversi ambiti, vogliono con ostinazione portare avanti un’azione di contrasto, fondamentale per salvaguardare prospettive di libertà e democrazia, per queste terre e per l’intero paese. La lotta contro l’illegalità e per i diritti si regge sul protagonismo dei singoli ed anche sulla capacità di agire collettivamente per mobilitare la società.

L’esperienza di Gaetano, come di tanti impegnati nell’antimafia, nel sindacato o nell’informazione, rappresenta questo. La sua reazione, di fronte a quel tremendo “sei morto e non lo sai”, rappresenta la risposta migliore: “Ti sbagli, che si debba morire è nella storia di ciascuno di noi. E’ il come si vive a far la differenza”. Parole più pregnanti di significato e più efficaci non possono essere usate!

Esprimiamo quindi tutta la nostra vicinanza e sostegno a Gaetano. Respingiamo con forza ogni tentativo di intimidazione, da qualsiasi parte esso provenga, e continueremo a tenere accesi i riflettori del nostro impegno per la legalità.

 

Cgil Camera del Lavoro Metropolitana di Bologna

Cgil Emilia-Romagna

Cgil Nazionale

 

Bologna, 12 ottobre 2018