A seguito della rapina a mano armata del 12 giugno, di cui è stata vittima una lavoratrice del bar dell’Ospedale Bellaria in gestione alla società Innova SpA, le organizzazioni sindacali Fisascat-Cisl e Filcams-Cgil sono immediatamente scese in campo per valutare insieme ai lavoratori le azioni più opportune a tutela della loro sicurezza. Tutte le proposte formulate dai sindacati volte a garantire una maggior sicurezza dei lavoratori che si trovano, in piena solitudine, ad aprire alle 6.00 e a chiudere alle 19.00, non sono state prese in considerazione dall’azienda che ha concesso un incontro per lunedì 9 luglio, pur anticipando di non voler prenderne in esame alcuna.

Fisascat-Cisl e Filcams-CGIL gridano NO alla indifferenza , NO alla violenza, NO al silenzio che può precedere un’altra tempesta.
“Chiediamo – dichiarano le organizzazioni sindacali – a gran voce che vengano immediatamente attuati provvedimenti atti alla tutela delle lavoratrici ( turni accoppiati o vigilanza in orari di entrata e uscita). Noi crediamo sia ancora possibile creare un ambiente di lavoro sano accogliente e sicuro”.

A seguito di questo stato di incertezza e di scarsa considerazione per il diritto alla salute e alla sicurezza sul luogo di lavoro Fisascat e Filcams hanno proclamato un pacchetto di 30 ore di sciopero con decorrenza dal 9 luglio, da effettuarsi anche senza preavviso. Le prime tre ore di sciopero si terranno lunedì 9 luglio, a sostegno dell’azione sindacale al tavolo di confronto e, in concomitanza, si svolgerà un presidio dei lavoratori, dalle ore 7.00 alle ore 10.00, nel piazzale antistante la sede del bar dell’Ospedale Bellaria, in via Altura, a Bologna.

Le organizzazioni sindacali hanno inoltre diffidato l’azienda dal procedere con l’attivazione di contratti in somministrazione per sostituire i lavoratori in sciopero, poiché tale iniziativa sarebbe in palese contrasto con le norme vigenti sul diritto allo sciopero.

Bologna, 6 luglio 2018
Fisascat Cisl – Silvia Pergola
Filcams Cgil – Daniela Dessì

Sciopero bar Bellaria CarloBo 10 luglio 2018