Si sono svolte ieri, 17 maggio 2018, le assemblee per informare lavoratrici e lavoratori sull’incontro avvenuto il 15 maggio 2018 tra la Direzione aziendale Motori Minarelli (Gruppo Yamaha) e Fiom-Cgil e Fim-Cisl in merito al processo di ristrutturazione in atto; un incontro già previsto dall’accordo di mobilità firmato nel dicembre 2017. Ricordiamo che a fine del 2017 la Motori Minarelli, dopo una vertenza durata oltre tre mesi e dopo 6.000 ore di sciopero, ha licenziato 58 lavoratrici e lavoratori, i quali hanno accettato di uscire dall’azienda a fronte di un importante incentivo economico (€ 75.000). La Direzione della Motori Minarelli e del Gruppo Yamaha ha sempre dichiarato in tutte le sedi che il ridimensionamento del sito di Calderara e i conseguenti licenziamenti erano motivati dalla crisi del mercato degli scooter. Le stesse motivazioni sono state portate dalla Direzione aziendale nell’incontro di verifica che si è svolto in Regione il 15 maggio.
Al contrario, le Organizzazioni sindacali hanno ribadito le proprie critiche sia per quanto riguarda il piano industriale – un piano che non prevede lo sviluppo di nuovi modelli significativi e appare privo di concrete prospettive per il futuro – che per il numero degli esuberi. Tali critiche trovano riscontro nel fatto che l’Azienda ha affermato di essere stata costretta, nelle scorse settimane, a richiamare tredici lavoratori per far fronte a un incremento produttivo imprevisto. Riteniamo poi incomprensibile l’indisponibilità dell’Azienda a trovare una soluzione sul PdR (Premio di Risultato) del 2017; infatti la Direzione ha comunicato che, a causa del costo sostenuto per la gestione dei licenziamenti collettivi, il premio di risultato NON sarà erogato per intero ai dipendenti rimasti. Le Organizzazioni Sindacali dei metalmeccanici FIOM CGIL e FIM CISL congiuntamente alle RSU e a tutte le Lavoratrici e Lavoratori, giudicano inaccettabile tale posizione e pertanto proclamano lo stato di agitazione con una serie di iniziative che saranno proclamate a partire dalla prossima settimana.

Bologna, 18 Maggio 2018
Delegati e delegati RSU Motori Minarelli FIOM CGIL Bologna, FIM CISL Amb
Gruppo Yamaha