A Bologna è stata alta la partecipazione al voto per le elezioni RSU dei lavoratori pubblici che si attesta complessivamente attorno al 70% e con punte oltre l’80% in alcuni settori, grazie a tutti coloro, funzionari, candidati, iscritti, che hanno reso possibile questo primo risultato.

Gli esiti del voto, ancora parziali, confermano la FP CGIL come primo sindacato della categoria, con una netta affermazione negli Enti locali del territorio (Comuni ed Unioni, Camera di Commercio e Città Metropolitana). Tra gli enti più grandi una piccola flessione si registra solo al Comune di Bologna dove comunque la FP CGIL resta il primo sindacato con un numero di voti pari ad oltre il doppio del secondo.

Bene anche le ASP, dove la FP CGIL conquista ovunque la maggioranza assoluta con punte del 70% (ASP Pianura Est e all’Asp Seneca) e gli Enti Pubblici Non Economici dove per la prima volta in INPS regionale e provinciale FP CGIL supera i concorrenti e diventa il primo sindacato per numero di voti.

Mentre nei Ministeri e nelle Agenzie Fiscali si registra una sostanziale omogeneità con i dati precedenti, la situazione più critica è negli Enti della Sanità dove rimane critica la situazione al S.Orsola (dove FP aveva perso il suo primato già alle elezioni del 2015).

Al momento attuale, pare che FP CGIL rimanga comunque primo sindacato nell’azienda USL mentre il dato positivo si registra allo Istituto Ortopedico Rizzoli con un netto +6% rispetto alle elezioni 2015.

Bologna 20 aprile 2018

Anna Andreoli
Segretaria Generale
FP CGIL Bologna