Nel pomeriggio del 27 dicembre 2017 la Fp Cgil, assieme alle altre Organizzazioni sindacali, ha sottoscritto con Asp Città di Bologna una pre-intesa sul contratto integrativo aziendale. Sono stati raggiunti alcuni risultati importanti – afferma FP Cgil – fra i quali la conferma che in questo Ente proseguirà il percorso di valorizzazione del personale attraverso il sistema delle progressioni economiche orizzontali, per gli anni 2018 e 2019.

E’ di circa 105 il numero di dipendenti che avrà un passaggio economico nel 2018, che si andranno ad aggiungere agli oltre 170 dipendenti già previsti nell’accordo dello scorso anno. Le risorse impegnate, 75.000 euro, a quanto afferma ASP intaccheranno solo parzialmente le quote di produttività annualmente erogate.
Una importante risultato che abbiamo raggiunto – continua FPCGIL – è che da potranno accedere alle progressioni e agli incentivi anche le lavoratrici e i lavoratori che, per maternità e congedi parentali sono stati assenti per oltre metà dell’anno. Si tratta di una significativa novità, peraltro supportata da un orientamento ormai consolidato nella giurisprudenza.
La parola passerà nelle prossime settimane alle lavoratrici e ai lavoratori che si esprimeranno sui contenuti della pre-intesa nel corso delle assemblee che saranno organizzate, ma il lavoro non si ferma qui – aggiunge FP CGIL – nel mese di gennaio proseguiranno i tavoli tecnici sui criteri di accesso alle PEO e sulle tematiche che fanno riferimento all’organizzazione del lavoro.

Questo contratto è una tappa importante per le lavoratrici e i lavoratori di ASP Città di Bologna, che mette al centro la valorizzazione del lavoro anche in considerazione dell’entità sempre in aumento e del valore dei servizi resi ai cittadini (anziani, SPRAR, ecc).
Nei prossimi mesi infine saranno assunti circa 50 nuovi dipendenti a seguito del concorso per Operatori Socio Sanitari appena concluso.

Simone Raffaelli

FP CGIL Bologna