Si è appena concluso lo spoglio delle elezioni per il rinnovo della RSU della G.D. dopo un voto che si è svolto al termine di settimane molto complicate. Il clima degli ultimi giorni è stato la diretta conseguenza di quanto si è vissuto in G.D nei giorni del voto sul recente Accordo aziendale, un voto che ha consegnato una fabbrica spaccata, e che ha registrato un elevato livello di dissenso.
Abbiamo visto un tentativo di attaccare il sindacato confederale e i suoi delegati. Quel clima ha prodotto una forma di vero e proprio “populismo sindacale” che si è tradotto anche nel voto per la RSU. La FIOM ha ricordato sempre quello che abbiamo realizzato in questi anni con la contrattazione aziendale, abbiamo insistito sulla serietà, la coerenza e sulla qualità della
contrattazione raggiunta. Come FIOM CGIL prendiamo 467 voti e ci fermiamo al 37%, eleggendo 13 delegati su 36.
E’ evidente che c’è un rapporto con i lavoratori da ricostruire e questo sarà il primo dei nostri compiti ed impegni.
Indubbiamente si tratta di una sconfitta.
Ringraziamo tutti i lavoratori e le lavoratrici che ci hanno votato. Da qui dobbiamo ripartire. Per noi coerenza, contrattazione e serietà restano quello che siamo. I fatti lo dimostrano e lo dimostreranno anche domani.

Bologna, 15 novembre 2017
FIOM CGIL Bologna