Fp Cgil e Cisl Fp per denunciare le gravi difficoltà lavorative del personale tecnico, socio assistenziale ed amministrativo del Centro di Giustizia Minorile di Bologna indicono una mobilitazione del personale con un presidio, mercoledì 25 ottobre dalle ore 9.30 alle 12.30, davanti alla sede di via del Pratello 34, a Bologna.

“I lavoratori del Centro di Giustizia Minorile – sostengono le organizzazioni sindacali – svolgono la loro attività con sempre maggiore difficoltà e hanno visto, nel tempo, peggiorare le loro condizioni di lavoro. In particolare, a fronte di un maggiore carico di lavoro per l’aumento di casi di minori, presenti nelle strutture residenziali e in carico al Servizio Sociale per minori non sono state previste le necessarie implementazioni dell’organico che si sta progressivamente impoverendo. Tale situazione è già stata più volte denunciata al Dipartimento per la Giustizia Minorile, senza ottenere i necessari interventi risolutivi. Le misure organizzative adottate dall’attuale dirigenza, attraverso continui ordini di servizio, si sono poi rivelate inefficaci ed hanno peggiorato le condizioni lavorative del personale. Ciò ha minato la stabilità dei servizi in quanto i lavoratori degli stessi non sono garantiti né per sede né per le funzioni”.

I sindacati denunciano, inoltre, la carenza di risorse economiche necessarie alla tutela del personale nello svolgimento delle proprie funzioni sul territorio regionale, si veda, a titolo di esempio, il mancato rinnovo della polizza Kasko sulle auto di servizio. A questo si aggiunge anche una strutturale e annosa carenza di risorse strumentali come ad esempio le linee telefoniche insufficienti e non adeguate a raggiungere l’esterno dei servizi necessarie per svolgere le azioni quotidiane.
I sindacati esprimono poi preoccupazione per l’incertezza riguardo al futuro della locale Comunità Ministeriale per Minori che ormai da anni combatte con la minaccia della chiusura.
A peggiorare la situazione sono, poi, intervenuti altri fattori ad es. la non compiuta realizzazione, della riorganizzazione ministeriale che unisce pezzi del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria (UEPE- Uffici della Esecuzione Penale Esterna che si occupano dei detenuti) con i CGM (Centro Giustizia Minorile) poiché non sono state stabilite le risorse necessarie per questo progetto e di fatto i servizi sono stati uniti amministrativamente ma non operativamente.

 

Bologna, 24 ottobre 2017
Fp CGIL Bologna Nunzia Catena
CISL FP Area metropolitana bolognese – Mario Durante