La Segreteria della Camera del Lavoro di Bologna valuta positivamente il voto del Senato che ha trasformato in legge, il decreto che abroga i voucher e ripristina la responsabilità solidale del Committente negli appalti.
Questo risultato, positivo per il paese, ed in particolare per il mondo del lavoro in generale, è stato possibile grazie al lavoro di centinaia di persone.
Delegate, delegati, attivisti, volontari, pensionati e cittadini che nell’ultimo anno hanno condivisola proposta della CGIL e consentito di raggiungere la raccolta di oltre 60.000 firme nell’area metropolitana bolognese.
Grazie ai firmatari, è stato possibile presentare la proposta di legge, contenuta nei 96 articoli della Carta dei Diritti Universali del Lavoro, e i requisiti referendari.
Oggi si respira un aria migliore nel paese e soprattutto abbiamo dimostrato che si possono cambiare le cose, attraverso la volontà e la qualità delle proposte e delle idee.
Rimettendo al centro, del dibattito politico ed istituzionale, del paese, il tema del lavoro.
Adesso facciamo tesoro del risultato e puntiamo i nostri sforzi futuri, all’ottenimento della trasformazione in legge della Carta dei Diritti Universali del Lavoro.

Bologna, 20.04.2017

La Segreteria Confederale CGIL di Bologna