Le lavoratrici e i lavoratori delle aziende metalmeccaniche bolognesi aderenti a Federmeccanica hanno valutato positivamente l’ipotesi di accordo sul Contratto collettivo nazionale di lavoro.

I dati della consultazione, che giungono al termine di un percorso democratico importante che ha coinvolto migliaia di lavoratori, sono particolarmente significativi sia per quantità che per qualità.

  • Numero aziende in cui si è votato: 291
  • Numero lavoratori votanti 14.536
  • Sì 87,39%
  • No 12,61%

L’alta partecipazione al voto, sia tra gli operai che tra gli impiegati, dimostra il grande lavoro svolto da Fim-Cisl Fiom-Cgil e Uilm-Uil, oltre che dalle RSU. Se il dato bolognese venisse confermato a livello nazionale ciò consentirebbe ai metalmeccanici di avere, dal 1°gennaio 2017, un nuovo contratto nazionale che, fra l’altro, aumenta i diritti, consolida il ruolo delle RSU, recupera l’inflazione e rafforza le relazioni sindacali
a tutti i livelli. Per Fim, Fiom, Uilm e per tutti i metalmeccanici italiani, comincia una nuova stagione contrattuale i cui protagonisti saranno le lavoratrici e i lavoratori. L’auspicio è che a breve possa giungere a positiva conclusione anche il Contratto nazionale Confapi e delle Cooperative.

Le Lavoratrici e i Lavoratori di Bologna, intanto, danno mandato alle Segreterie nazionali di firmare questo rinnovo.