#ReferendumLavoro #Con2Si tutta un’altra Italia!

La Corte costituzionale ha dato l’ok a due dei tre quesiti referendari proposti dalla Cgil, e presto saremo chiamati a votarli. Cosa chiedono i due quesiti sulla responsabilità solidale negli appalti e sull’abrogazione dei voucher? Leggi la spiegazione chiara e breve qui!

Firma la petizione online!


La Carta dei Diritti Universali del lavoro promossa dalla Cgil a livello nazionale, e territoriale, rappresenta la riscrittura del diritto del lavoro in nome di un principio di uguaglianza che superi finalmente la distinzione fra lavoratori tutelati e lavoratori privi di ogni garanzia. Distinzione imposta dalla nascita di troppe tipologie contrattuali, e da leggi che negli ultimi anni hanno ferocemente attaccato e indebolito i diritti.

Tutta la Cgil è impegnata in un confronto che metta al centro le tutele di tutti i lavoratori, a iniziare da quelli autonomi e da quelli precari.


Il 9 aprile 2016 è iniziata la raccolta delle firme a sostegno della legge di iniziativa popolare e dei quesiti referendari per abolire i punti peggiori del Jobs Act. La campagna per i quesiti referendari si è chiusa l’8 luglio.

Il 29 settembre poi, a Roma, abbiamo festeggiato i 110 anni della Cgil consegnando alla Camera oltre 1 milione 150 mila firme certificate per la proposta di legge di iniziativa popolare sulla “Carta dei diritti universali del lavoro”. Ma il viaggio della “Carta” era cominciato all’inizio dell’anno, con la consultazione straordinaria degli iscritti e con 41.705 assemblee in cui sono stati illustrati e votati il testo della Carta e quello dei quesiti referendari, che accompagnano e sostengono la proposta di legge di iniziativa popolare, per la cancellazione dei voucher, la responsabilità solidale negli appalti e una nuova tutela reintegratoria in caso di licenziamento illegittimo.

L’11 gennaio 2017 la Corte costituzionale ha approvato i referendum su voucher e appalti, dichiarando invece “inammissibile” quello sull’articolo 18.


Scarica qui l’approfondimento sul quesito referendario volto a ripristinare l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, a cura dell’avvocato Alberto Piccinini, e quello dell’avvocato Stefania Mangione sulla responsabilità solidale negli appalti e sui voucher.

Clicca sull’immagine e scarica i materiali della campagna per i referendum!

Di seguito tutte le NEWS sui Referendum e sulla Carta dei diritti!

, , ,

Legge su voucher e appalti, nota della Segreteria Cgil Bologna

La Segreteria della Camera del Lavoro di Bologna valuta positivamente il voto del Senato che ha trasformato in legge, il decreto che abroga i voucher e ripristina la responsabilità solidale del Committente negli appalti. Questo risultato,…
, , ,

Voucher e appalti: il decreto è legge!

Il decreto che abolisce i voucher e ripristina la responsabilità solidale negli appalti, già approvato dalla Camera, diventa definitivo. Il provvedimento passa infatti al Senato con 140 sì, 49 no, 31 astenuti. E’ un risultato importante,…
, , ,

Voucher e appalti, il 6 maggio manifestazione a Roma

Una grande manifestazione a Roma il prossimo 6 maggio, perché "dal decreto alla legge la sfida continua per conquistare la Carta dei diritti universali del lavoro". E’ questa la decisione assunta dagli oltre 1500 quadri e delegati della Cgil…
, ,

La Camera approva il Dl su voucher e appalti, la parola al Senato

L'aula della Camera ha approvato oggi, 6 aprile 2017, il decreto legge recante disposizioni urgenti per l'abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio nonché per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale…
, , ,

Lunedì all'Unipol auditorium l'attivo sul #ReferendumLavoro

LUNEDì 27 Febbraio 2017 all'UNIPOL AUDITORIUM Porta Europa (via Stalingrado 37 Bologna), dalle 9.30 alle 13.30, si svolgerà l'attivo dei delegati della CGIL di Bologna in occasione della campagna referendaria su voucher e appalti, e a sostegno…
, , ,

Lunghi (Cgil Bologna): "Referendum, due SI per cambiare l'Italia partendo da Bologna"

Siamo in piena campagna elettorale, la CGIL porta avanti le istanze della proposta di legge popolare, la Carta dei Diritti Universali, e i referendum che riguardano i voucher e gli appalti. I milioni di firme già raccolte ci impongono la responsabilità…