, , ,

Cineca condannato per comportamento antisindacale

Da circa un anno è aperta una vertenza sindacale tra CINECA Consorzio Interuniversitario e Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil di Bologna, Roma e Milano, coordinate dai livelli nazionali, a seguito della disdetta del Contratto Integativo Aziendale comunicata dal Consorzio Cineca circa un anno fa. Sono seguite iniziative di sciopero promosse dai sindacati a sostegno del Cia, e della piattaforma di rinnovo del Contratto Integrativo presentata a settembre 2016.
Nonostante la richiesta di apertura da parte delle OO.SS, della procedura prevista dalla Legge 146 /1990 per l’individuazione dei sevizi minimi essenziali, nelle giornate di sciopero il Consorzio ha proceduto con l’invio di ordini di servizio, senza rispondere alle richieste del confronto per la stipula di un regolamento condiviso sulla 146/1990.
La Filcams di Bologna, con il patrocinio degli avvocati Bruno Laudi e Stefania Mangione, ha fatto opposizione al Consorzio per attività antisindacale e nella giornata di ieri, 3 luglio 2017, il giudice Carlo Sorgi ha dichiarato la antisindacalità del comportamento di Cineca per non aver dato seguito alle richieste delle OO.SS di avviare il confronto in applicazione alla Legge 146/1990, disponendo che per il futuro Cineca si astenga da tale condotta impegnandosi in un confronto costruttivo.

Si tratta di una sentenza particolarmente importante, anche per la trattativa in atto che dovrebbe svolgersi a partire dalle prossime settimane.
Le OO.SS e le Rsu hanno dichiarato lo stato di agitazione per la sede di Bologna, perché ancora è rimasta senza una risposta positiva la richiesta di proroga degli effetti dell’attuale Contratto Integrativo Aziendale.

 

P. Filcams Cgil Bologna

Annamaria Margutti

L’articolo sul Carlino Bologna del 5 luglio 2017