Sciopero lavoratori in appalto all’Autostazione

“Da un anno in Regione esiste un tavolo centrato su legalità e sicurezza, dove si parla proprio dei cambi di appalto. Chiederemo un incontro agli ispettori del lavoro: non può esistere che in una città come Bologna ci siano cambi con perdite da 200 a 400 euro”. I sindacati confederali dei trasporti stanno lottando così sul cambio di appalto in arrivo per il parcheggio dell’autostazione, dove da domani 1 aprile subentrerà un nuovo gestore. Il passaggio dalla coop L’operosa alla coop Ncv viene preso di mira dai sei lavoratori in ballo (di 43 anni il più giovane) perchè porta con sé un taglio alle loro buste paga, mediamente, intorno al 25%. Diversi servizi di cui si occupano queste persone (accompagnamento dei clienti all’area di sosta, vigilanza generale, informazioni) verranno automatizzati: per turno al momento ci sono tre persone, ma ne basterà una. Così, questa mattina i lavoratori si sono ritrovati in presidio per un’assemblea di due ore (altri interinali stanno lavorando). E in sede torneranno anche stasera, in vista del nuovo cambio di appalto che scatta formalmente stanotte.