, ,

Caso Fioritti: la solidarietà di Cgil, Cisl e Uil al dirigente Ausl

CGIL CISL UIL esprimonono unitariamente piena solidarietà al direttore sanitario Angelo Fioritti, sospeso dall’ordine dei medici di Bologna dell’AUSL di Bologna.
Troviamo davvero inverosimile un simile provvedimento disciplinare,  che di fatto, come avvenuto in precedenza per i responsabili del 118 e dell’area emergenza urgenza dell’azienda, è stato preso nei confronti di un serio e scrupoloso professionista che, negli anni, si è sempre contraddistinto per la  serietà con la quale ha sempre svolto la sua attività all’interno di una delle più grandi aziende sanitarie del paese.

Crediamo che una tale decisione, frutto di una visione estremamente corporativa e miope della categoria medica, vada in assoluta controtendenza con quello che, invece, dovrebbe essere lo spirito collaborativo necessario per superare la difficile sfida della riorganizzazione sanitaria; anzichè incentivare processi di lavoro comune e di condivisione tra professionisti, si preferisce perseguire strade pericolose addirittura finalizzate a sanzionare disciplinarmente coloro che invece scelgono vie trasparenti, innovative e perfettamente il linea con le decisioni della Regione.
Siamo per altro convinti che tale decisione possa creare sconcerto nei pazienti, instillando il dubbio che il personale preposto per le emergenze sia inadeguato, cosa per altro confutata dai dati scientifici che confermano i risultati positivi di tale scelta organizzativi.
Invitiamo l’Ordine dei medici a ritirare tale provvedimento e ad occuparsi invece, seriamente, dei tanti temi che la categoria dei medici legittimamente potrebbe rivendicare.

S. Sovilla
CGIL BO
A. Schincaglia
CISL BO.
G. Spizzichino
UIL BO