Lavoratore licenziato, sciopero a oltranza alla Segafredo

Sciopero a oltranza dei lavoratori e delle lavoratrici Segafredo a Pianoro, dove stamattina alle 9 il responsabile della manutenzione – con alle spalle 23 anni di esperienza in azienda, e a poco più di due anni dalla pensione – è stato convocato dall’azienda e licenziato con l’annuncio dell’esternalizzazione del servizio. Il lavoratore si è subito rivolto alle Rsu aziendali, e a seguito di un’assemblea i lavoratori della produzione hanno deciso di proclamare immediatamente lo sciopero a oltranza. L’azienda si è rifiutata di incontrare sindacati ed Rsu per discutere dell’accaduto e di eventuali alternative: la protesta quindi procederà anche domani.
“Si tratta di un’ulteriore dimostrazione dell’imbarbarimento del lavoro cui siamo arrivati – sottolinea il segretario della Flai-Cgil di Bologna, Vincenzo Grimaldi -: occorre portare nuovamente diritti che pensavamo ormai garantiti in fabbrica, da questo punto di vista è fondamentale la nostra battaglia per la Carta dei diritti universali del lavoro”.

Vincenzo Grimaldi
Segretario generale Flai-Cgil Bologna

Ivano Cerri
Flai-Cgil Bologna