, , ,

Preintesa con Asp sull’integrativo 2016-2017

Firmato un preaccordo fra i sindacati e Asp Città di Bologna in merito alla contrattazione integrativa per gli anni 2016 e 2017.
Il commento di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl è positivo, ci sono innovazioni significative pur mantenendo l’impianto del contrattatto 2015.
In particolare, dopo una complessa trattativa durata oltre 10 ore, si è concordato di procedere da gennaio con il riconoscimento delle progressioni economiche orizzontali per circa metà dei dipendenti aventi diritto, ovvero un numero di poco inferiore ai 200.

Le posizioni all’inizio del confronto (avviato a settembre) erano distanti, l’Amministrazione inizialmente voleva utilizzare una quota di risorse che sarebbe stata sufficiente a far progredire il 25% dei lavoratori, i sindacato hanno sempre richiesto quote superiori.
Con 90.000 si riusciranno a garantire le progressioni ad un numero di dipendenti doppio rispetto a quello iniziale, con una attenzione particolare per i redditi inferiori, ovvero OSS e personale inquadrato nella categoria B del CCNL.

Altro punto qualificante dell’intesa è la decisione di procedere entro giugno alla pubblicazione di un bando per l’assunzione di OSS. Si tratta di un elemento importantissimo, perché questo concorso permetterà di ricoprire tutti i posti che ad oggi Asp copre con lavoratori in somministrazione.
In sintesi: lavoro pubblico a tempo indeterminato al posto di precarietà.
Lo stesso concorso darà ad una parte di dipendenti già in forza di passare al livello B3, che secondo i sindacati è l’inquadramento più appropriato per gli OSS.

Finalmente più salario e più diritti, per lavoratrici e lavoratori che nel corso del 2017 percepiranno un premio di produttività  (relativo al 2016) vicino agli 850/900 euro medi, e molti di loro una progressione economica che corrisponde a una cifra fra i 300 e i 700 euro lordi per i livelli più bassi.

Soddisfazione per i sindacati, che il 21, 22 e 23 dicembre sottoporranno il testo al voto degli oltre 400 lavoratori di ASP, il cui voto è determinante per la sigla dell’accordo definitivo.

FP CGIL
Simone Raffaelli

Cisl FP
Felicia Dimase

Uil Fpl
Stefano Di Petta