Disoccupazione: il 22 in Cgil

Bologna: un territorio in cui la crisi economica ha fatto scomparire decine di migliaia di posti di lavoro, ed i segnali di inversione di tendenza del ciclo economico non comportano ancora crescita sensibile dell’occupazione. Ad un mese dal suo avvio Auser Bologna, Nidil-Cgil Bologna, il gruppo Psicologi e psicoterapeuti Pad, e l’Università di Bologna, organizzano per mercoledì 22 giugno 2016 un incontro fra i soggetti promotori del progetto “Reazioni positive”, gli utenti coinvolti e la stampa, per raccontare risultati e piani futuri dell’iniziativa. L’appuntamento è dalle 10 alle 12.30 nella Sala Celeste della Cgil Camera del lavoro metropolitana di Bologna (via Marconi 67/2). Ai giornalisti verrà fornita all’incontro una cartella stampa con dati e dettagli del progetto.

Il mercato del lavoro vede oggi un peso crescente delle Agenzie di Somministrazione, sempre più connotate come Agenzie di servizio per le imprese. A fronte del totale depotenziamentto dell’attività dei Centri per l’Impiego, diventano proprio queste agenzie il principale soggetto di gestione del mercato del lavoro. In questo contesto manca, purtroppo, una cabina di regia istituzionale nelle azioni di sostegno nella ricerca di lavoro e  di appoggio psicologico nell’affrontare il disagio sociale della disoccupazione / inoccupazione.

La sensibilità istituzionale e dei corpi intermedi del nostro contesto sociale, e la volontà di fare sistema  per la creazione di nuova occupazione e di formazione mirata, si è palesata nei recenti patti per il lavoro sottoscritti a livello regionale e di Città Metropolitana, i cui ritorni sono ancora da verificare.

Il Progetto Reazioni Positive nasce da un incontro  casuale fra soggetti diversamente coinvolti in queste problematiche, invitati alla presentazione di una mostra fotografica nell’estate 2015 al Centro Costa sulla solitudine  “connessa” dei giovani disoccupati. La volontà comune è quella di mettere in rete esperienze e competenze dei singoli e delle Associazioni, e di costruire un’attività in rete sinergica che vada oltre alla filosofia della”buona pratica”. Un progetto non episodico, e quindi monitorato sin dal suo avvio da competenze Universitarie ed aperto ad ulteriori partners, di sostegno e sviluppo della reattività positiva individuale e collettiva alla mancanza di occupazione.

Il programma e i riferimenti per un approfondimento sono nell’invito in allegato.

Bologna, 21 giugno 2016

SCARICA L’INVITO R+ 22 giugno 2016